Articoli

Vi raccontiamo la divisione Business Intelligence di Pardgroup!

Per soddisfare le esigenze dei Clienti a 360°, Pardgroup si avvale di professionisti specializzati in Data Management e Dashboard Analysis che costituiscono la sua Divisione Business Intelligence (BI).
L’obiettivo del Team è permettere ai Brand di sviluppare strategie basate su informazioni significative, precise e aggiornate. Per raggiungerlo sempre, Pardgroup offre soluzioni studiate ad hoc su necessità specifiche e per diverse funzioni aziendali: marketing, comunicazione e finanza.

I servizi offerti sono:

Data Warehouse
Archiviazione di dati generati da diversi sistemi informatici (produzione, vendite, contabilità, R&S, CRM etc..)  su database e piattaforme Big Data.

Data Trasformation
Rielaborazione delle informazioni raccolte nel database e controllo, automazione, misurazione e  analisi delle performance aziendali.

Data Visualization
Impostazione grafica user-friendly per cruscotti dinamici, statistiche e indicatori sempre aggiornati.

Quali sono i vantaggi del ricevere questo genere di supporto?
Automazione dei processi di analisi, di reporting aziendale e misurazione costante e uniforme delle informazioni portano ad un’attenta valutazione dei miglioramenti e delle criticità sulle quali concentrare gli sforzi. Così viene dato modo al Management di velocizzare i processi decisionali e di renderli più mirati agli obiettivi.

Per ottenere risultati sempre eccellenti, il Team Pardgroup monitora le KPI personali e aziendali e si avvale di Performance Dashboard interattive attentamente studiate dal punto di vista grafico. Questo consente di ottimizzare la fruibilità dei dati e di renderli Multi-device friendly (fruibili da PC, Tablet e Smartphone).

Vuoi saperne di più? Leggi anche Intelligenza artificiale e analisi dei Big Data

Pardgroup_IoT_big data_business intelligence

Internet of Things (IoT) a supporto della customer experience

Realtà virtuale (VR), intelligenza artificiale (AI) e Internet of Things (IoT) stanno ridefinendo le logiche di interi settori con impatti differenti su diversi aspetti. In particolare, l’Internet of Things (IoT) sta trasformando il modo in cui aziende e consumatori interagiscono tra loro. Capiamo meglio in che termini. Innanzitutto, il termine IoT è stato coniato da un ricercatore del Massachussets Institute of Technology, Kevin Ashton, nel 1999 per un nuovo approccio RFID nella supply chain. Da allora continua l’evoluzione delle tecnologie correlate sia lato consumatore che lato piattaforme di analisi basate su AI.

Secondo la recente ricerca di Internet of Things (2018) di Business Insider Intelligence, pubblicata a fine luglio, si stimano oltre 55 miliardi di dispositivi IoT entro il 2025, rispetto i ‘soli’ 9 miliardi del 2017.

Sotto il termine Internet of Things ci sono difatti tecnologie e applicazioni che prevedono la connessione in rete di prodotti e dispositivi in grado di scambiarsi dati pressoché indipendentemente da un comando umano.

L’IoT associa così Internet a oggetti (dispositivi) della vita di tutti i giorni. Per poter funzionare ed essere davvero utile, l’IoT ha bisogno di raccogliere e archiviare una grossa mole di dati (Big Data) in tempo reale e in qualsiasi ambito. Pensate per esempio all’utilità di tracciare le presenze negli spazi commerciali, per attività di marketing  lato Brand, quanto alla possibilità di ricevere informazioni su un prodotto acquistato da parte del consumatore, come ricevere indicazioni sul reale utilizzo di un prodotto da parte del Consumatore o indirizzare lo sviluppo di nuove proposte in linea con la customer experience o acquisire dati finalizzati ad analisi di mercato volti a sviluppare nuovi prodotti o servizi in base alle esigenze rilevate dell’utente.

Vorresti sapere come l’IoT può aiutarti nella vendita/distribuzione del tuo prodotto/servizio? Rivolgiti alla Business Intelligence di Pardgroup

Leggi anche la news ‘Intelligenza artificiale e analisi dei Big Data’

Business intelligence _big data_ pardgroup

Intelligenza artificiale e analisi dei Big Data

Tra i settori i di business più propensi a sperimentazioni in campo di intelligenza artificiale c’è senz’altro il Marketing: vuoi per il continuo progresso nella digitalizzazione, vuoi per l’importanza di essere sempre un passo avanti ai Brand che oggi sono in grado di accumulare informazioni sui propri clienti sia nei punti vendita che on-line. Ciò che fa la differenza è essere capaci di analizzare questo importante volume di dati, definiti Big Data, e renderli comprensibili e fruibili per le Aziende.

Da un’indagine dell’Osservatorio italiano sull’Artificial Intelligence Marketing, promossa dall’Executive Master Iulm in Data Management & Business AnalyticsDmba, emerge come nel 75% delle aziende italiane che afferma di conoscere le potenzialità per il Marketing dell’AI, ben poche utilizzano soluzioni evolute per l’analisi dei Big Data. Diverse le motivazioni: carenza di risorse economiche, scarsa consapevolezza del mezzo e mancanza di figure formate sul tema. La restante parte continua, invece, a considerare l’Intelligenza Artificiale in modo futuristico senza o con poca consapevolezza della rilevanza strategica per la competitività sul mercato.

Per rispondere alle esigenze di alcune delle aziende più interessate all’analisi dei dati sui propri clienti al fine di conoscerli meglio durante tutte le fasi del processo di acquisto e rispondere alle loro richieste in modo sempre più ottimale,  Pardgroup si avvale di un team interno di Business Intelligence (BI), ovvero professionisti specializzati in Data Management e Dashboard Analysis. L’obiettivo si può riassumere in “make sense of data”, ovvero permettere ai Brand di prendere decisioni strategiche fornendo loro informazioni precise, aggiornate e significative. Ecco che  Pardgroup è in grado di fornire soluzioni versatili e personalizzate per qualsiasi funzione aziendale dei propri Clienti: marketing, commerciale e finanza.

Lavoro: Promoter GoPro, Pardgroup stravolge le modalità di recruitment

GoPro

è un marchio che ha fatto della non-convenzionalità parte integrante del proprio essere. L’approccio quindi non poteva che essere lo stesso anche per le fasi di recruitment – gestite da Pardgroupper l’attività lavorativa di Promoter GoPro presso

Continua a leggere

Agente di vendita: da Sales Force a Merchandising evoluto

Intervista a Silvia Petriconi, agente di vendita esclusivo Pardgroup

 

“La vita dell’agente di vendita non è semplice, specialmente in tempi di crisi come questi.” Esordisce così Silvia Petriconi, una delle migliori risorse della divisione Sales di Pardgroup. Continua a leggere

Il Cross Selling nel merchandising On Field

Merchandising nel Field Marketing:

Cosa significa Cross Selling? E Up Selling? Quale è il loro ruolo all’interno delle pratiche di Field Marketing? Continua a leggere